La Formula di Google… o semplicemente fregatura?

La formula di Google? Nessuno la conosce, sono noti molti dei fattori che incidono sul calcolo del ranking (oltre 200) ma nessuno conosce il peso che ha ognuno singolarmente.

Non sopporto più questi Guru improvvisati e questa volta lo dico pubblicamente!

Lavoro nel web da circa 10 anni e faccio SEO da almeno 8… non mi sono mai permesso di garantire risultati sorprendenti ne di promettere di svelare segreti sul posizionamento sui motori di ricerca.

Ma a quanto pare c’è chi lo fa. Da circa 4 anni c’è un dilagare di pseudo-Guru che vendono, o meglio provano a vendere fumo…

Usano tutti lo stesso stile, hanno imparato tutti dagli stessi fantomatici Guru, gente che non sa neanche usare l’html, ma solamente perchè ha qualche nozione di marketing e di psicologia è convinta che l’Italia sia un paese di idioti.

Si parte da chi vende la Formula segreta di Google promettendo di monopolizzare i risultati di Google per arrivare fino a quelli che ti insegnano a creare un business online avendone creato però uno solo (e neanche da soli) nella loro vita professionale…

UNO SCHIFO!!

Personalmente ho fondato SEO Training dopo quasi 8 anni di esperienza e centinaia, forse migliaia di keyword posizionate.

C’è chi si permette di prendere in giro i suoi iscritti alla lista (la loro arma di distruzione e auto-distruzione) dicendo: “c’è gente che crede di fare SEO solamente perchè è posizionata con il nome del proprio sito o attività…

Beh caro amico, almeno loro su questo sono posizionati! Tu cercando il nome del tuo sito esci a fine seconda pagina ed io apparirò sopra di te con questo semplice e abbastanza polemico post

Sei ancora convinto di essere un guru? Perchè non provi a lavorare onestamente come tutti?

Google formula o Soldi formula… la morale è sempre la stessa, io ti prometto soldi, successo e visibilità, tu mi dai 47 euro 😀

Gli infoprodotti sono nati per aiutare e condividere conoscenze, questi fantomatici personaggetti distruggono lo strumento e appiattiscono il mercato, si dovrebbero solamente vergognare!

Usate tutti le stesse landing page, usate tutti gli stessi format, non avete fantasia, non avete esperienza, non avete risultati dimostrabili… perchè allora??

Per fregare il prossimo? Per mettere insieme qualche centinaia di euro? O semplicemente perchè il vostro Guru per primo vi ha fregati allo stesso modo e volete ripagare il prossimo con la stessa formula? 😀

Ma andate a lavorare!!

Commenta su Facebook

40 Comments

  • Benedetto Motisi

    Reply Reply agosto 6, 2011

    A me certi personaggi mi ricordano il Pirelli di Sweeney Todd, interpretato fra l’altro da un attore a te caro, Sacha Baron Cohen.. Ali G 😀
    http://www.youtube.com/watch?v=QHYSRF7qBOU

    Su una cosa però questi imbonitori da Web rischiano di avere ragione: l’idiozia diffusa.

  • Luca

    Reply Reply agosto 11, 2011

    Ciao Adriano..
    mi chiamo Luca, qualche giorno fa ho trovato il sito di google formula che nomini nel tuo articolo.. e ho seguito i video corsi gratuiti che offre dopo la registrazione alla newsletter, sono stati abbastanza interessanti e per di più mi hanno fatto capire quanto importante sia posizionarsi in modo adeguato nei motori di ricerca.. inoltre l’autore è l’unico che non usa strategie di marketing americane come una lettera di vendita lunghissima che non si finisce mai di leggere oppure bonus e sconti, ma dimostra tramite video, come in una settimana è riuscito a far raggiungere il primo posto in google per una determinata parola chiave.
    e se scrivi quella parola chiave su google, il suo sito è ancor oggi al primo posto in prima pagina anche se bisogna scrivere su google il nome esatto del dominio come parola chiave per trovarlo al primo posto.
    ho cercato su internet qualche commento riguardante questo corso e sono arrivato sul tuo post; ora avendo trovato e leggendo il tuo articolo mi sono stupito della tua competenza, in quanto hai perfettamente ragione, il tuo post si trova in una posizione molto migliore rispetto al sito con dominio googleformula, per questo ti chiedo.. non conviene acquistare quel corso di formazione?.. tu lo hai gia acquistato e provato per potermelo sconsigliare?
    prima di rispondere però mettiti nei miei panni e in quelli delle persone nella mia stessa situazione: una formula, un metodo pratico, per far arrivare un sito nei primi posti dei motori di ricerca in una settimana ed al prezzo di 80, per me che di seo conosco poco e niente e non ho una grande disponibilità economica, è molto allettante, in quanto non so proprio come posizionarmi nei motori di ricerca, almeno parto da qualche parte.
    inoltre è stato consigliato anche da daniele d’ausilio, che è un buon internet marketer.
    quindi tu che mi puoi consigliare, di non acquistarlo?..
    e come faccio a posizionarmi sui motori di ricerca se non conosco nulla?.
    resta il fatto che tu sei sopra il sito googleformula come posizionamento, quindi che si puo fare?? gli 80 euro che avrei investito per quel corso di formazione, li investo con te, e tu mi dai una “formula” ancora più efficace per pubblicizzarmi nei motori di ricerca in breve tempo???..
    aspetto un tuo consiglio.. 😉
    inoltre parlando di daniele d’ausilio, che ne pensi di progetto sem, è un buon corso di formazione? vale la pena acquistarlo? imparerò tutto sul posizionarmi nei motori di ricerca ed ad offrire questo servizio alle aziende??.. ho necessariamente bisogno di imparare un po di seo per posizionarmi nei motori di ricerca, e anche perchè è una materia che mi ha molto appassionato, quindi spero di studiare tutte le sue sfumature..
    comunque sia complimenti per l’articolo.. 🙂 .. e per il tuo lavoro.. spero di arrivare alle tue competenze un giorno.. 😉
    attendo una tua risposta con un bel consiglio 😛
    saluti
    Luca

  • GoldHat

    Reply Reply agosto 11, 2011

    Ciao Luca,
    grazie per il tuo lungo e sentito commento 😀

    Vorrei fare una precisazione, per te e per tutti coloro che leggeranno questo post in futuro.

    Io non sconsiglio niente a nessuno, non acquisto corsi di formazione, ne ho acquistati in passato ma da qualche anno non lo faccio più (parlando di SEO) ovviamente per altro tipo di formazione acquisto anche corsi online.

    Il punto secondo me non è tanto riguardo i contenuti, il metodo e l’offerta didattica, ripeto, su questo rispetto gli autori e non ho nulla da dire, sempre perchè non ho acquistato nessun corso online riguardante la SEO, organizzo webinar
    , corsi SEO e non ho tempo di seguirne altri 😀

    Quello che vuole esprimere questo post è che a mio modo di vedere non è ammissibile dire la formula per monopolizzare Google, non essendo neanche posizionati sul nome del proprio infoprodotto.

    Queste situazioni sono frutto di una massiccia formazione di infomarketing, fatta da grandi marketer, con grandi conoscenze di psicologia e captologia, ma in molti casi pochissima esperienza pratica. Ne ho visti nascere molti, arrivre da un giorno all’altro sul web, sulle serp che io ed i miei ragazzi cavalchiamo ogni giorno da parecchio tempo 😀 Presentandosi come guru, come monopolizzatori di Google, come esperti con centinaia di collaboratori nel mondo.
    Ma al dunque, la loro formazione viene da infoprodotti, creati da chi a sua volta ha acquistato infoprodotti in lingua inglese, e così via, fino ad arrivare a te, un nuovo appassionato del mondo SEO che non riesce a districarsi facilmente in una molteplicità di offerte.

    Non ho assolutamente interesse a venderti qualcosa, anzi, ti dico spendi quei soldi come meglio credi, ma prima di dare per scontato che chi ti vende una cosa sia davvero colui che professa, usa la sua prima arma, Google 😀 informati su questo guru, naviga i suoi siti (se ne ha) e poi decidi. Ci sono tanti corsi interessanti…

    Infine, riguardo Daniele D’Ausilio, che hai citato, non conosco direttamente i suoi prodotti, ma ho una grandissima stima nei suoi confronti perchè ha messo in piedi diversi business online di successo, e sono d’accordo con te che è un professionista.
    Scegli liberamente, l’offerta è vasta, ma informati bene prima di acquistare 😀 usa Google! 😀

  • Gianluca Bottaro

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Pssss: Il corso costa 127 euro…..

    Per il resto non commento, ho troppo da fare 😉

  • Michela

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Io non capisco la tua indignazione.

    Dici che: “distruggono lo strumento e appiattiscono il mercato”. Quale strumento? Il tuo giocattolino di SEO? E se lo rendono accessibile a tutti rovinano il mercato? Certo; oggi tutti possono arrivare in prima pagina, ma con cosa? Non credi che il problema sia dare contenuti reali? Se chi arriva in prima pagina ha qualcosa da vendere, ben venga… ma se non ne ha, la formuletta magica non regala un bel niente!

    A me sembra quasi che tu voglia difendere la tua esperienza di seo, rendendola obbligatoria per tutti. Otto anni di preparazione ti sono costati meno di 120 eur?

    Io lascerei ognuno libero di provare ciò che vuole … E grazie a questo magari trovare la sua strada per essere creativo e proporre nuovi prodotti.
    Mi sembra ci sia posto per tutti nell’oceano di internet… le cose da imparare sono così tante!

  • Foto del profilo di admin

    admin

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Ciao Michela, mi sa che non hai interpretato esattamente le mie parole, per strumento mi riferivo agli infoprodotti 😀 la SEO non è uno strumento!

    Non è questione di rendere accessibile a tutti, questo già lo facciamo! Scarica anche tu la nostra guida SEO GRATIS

    Personalmente non vedo la SEO come un segreto, anzi, sono per l’Open Source, ecco perchè mi danno molto fastidio questi profeti che promettono formule magiche e monopolio!

    Mi spiace Michela, ma hai toppato, hai scelto la persona sbagliata a cui dire queste cose 😀 Sono perfettamente d’accordo con la tua frase “Mi sembra ci sia posto per tutti nell’oceano di internet… le cose da imparare sono così tante!” ma un conto è condividere ed imparare, un altro è riciclare, e mercanteggiare 😀

  • Michela

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Come esperto dovresti sapere l’importanza delle parole:
    Riciclare, mercanteggiare…
    Tu stesso hai detto che nessuno sa come funziona google, quindi c’è poco da riciclare;
    “mercanteggiare” :Tutti propongono prima video gratis (G Formula ne dà 3) e poi il prodotto in vendita. Tu no?

    Ma se è così copiato cita le fonti!

    Ancora non capisco come potrebbe rovinarsi l’infoprodotto… e saturare il mercato?
    E se Il suo nome non è nelle ricerche forse perché nessuno cercherebbe come keyword il nome proprio di un prodotto che ancora non conosce..

    E secondo me è inutile ostinarsi sul dettaglio quando l’obietivo è molto più vasto.

    Tu credi davvero che qualcuno possa focalizzarsi su Formula pensando di diventare un guru del marketing? Io credo che la gente vada cercando lo strumento che più si adatta alle attitudini personali, senza illusioni.
    Tu mi puoi anche regalare una splendido computer ma non per questo da domani io divento Indro Montanelli (che tra l’altro scriveva solo con una vecchia Lettera 32).

  • Benedetto Motisi

    Reply Reply agosto 12, 2011

    IMHO la questione è molto semplice, poi ognuno ha il suo punto di vista :))

    Nel senso, mi rivolgo al vecchio e caro “ti fideresti a comprare un’automobile usata da lui?”

    Se io propongo un servizio, un infoprodotto sulla SEO senza mostrare realmente i risultati che ho, e ancor di più non sono presente in SERP per il nome del servizi stesso sono un po’ come il dentista con i denti cariati.

    E fin qui, ognuno è libero di andarci ugualmente dal SEO o dal dentista in questione usufruendo dei suoi servizi, in fondo e sempre IMHO, più concorrenza c’è meglio è.
    Se il livello della concorrenza è basso, ci vuole niente a emergere.
    Se è alto, sia lode agli dei, quanto si può imparare e quanto bisogna migliorare e farsi più forti per emergere!

    In finale, se ho afferrato bene la questione, il problema sorge quando il dentista dai denti cariati ti dice che può curare i tuoi.

    Riesce a curarteli? Infinite sono le vie dell’odontoiatria! Non ci riesce? La probabilità che in teoria era molto alta si è realizzata. E difficilmente ti fiderai di un altro dentista, che magari è realmente bravo, a prescindere da questo.

    Ah, tanto per depistare ogni possibile critica a riguardo, io sono l’infermiera bona al max. 😀

  • Michela

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Infatti…. Io i nomi di altri dentisti ancora non li vedo…
    E la cura di SeoGm qual’è, scusa?

    Qui il punto è che si cerca di batter un sistema nato due mesi fa…
    Quanti altri hanno già pronta una soluzione?

    Per dare un senso al discorso dovresti confrontare tra loro 3-4 sistemi ugualmente funzionanti, prima di affermare che quello di B. è ‘na sòla…

    • Foto del profilo di admin

      admin

      Reply Reply agosto 12, 2011

      Cara Michela, più ti leggo e più mi sembri un po’ troppo (stranamente) di parte.

      Continui poi a non comprendere le mie parole, probabilmente sono io che mi esprimo male 😀

      Personalmente non vendo nessuna cura, non ne ho bisogno, ho decine di clienti felici che fatturano milioni di euro l’anno e non ho sicuramente bisogno di “battere” nessuno come affermi tu 😀

      Siamo proprio su due piani diversi, non ho nulla in contrario contro i sistemi a cui ti riferisci…

      Ribadisco per l’ultima volta, poi ci rinuncio 😀 Non contesto ne il metodo ne i contenuti ma semplicemente il modello di vendita e le promesse di monopolio delle serp di Google.
      Poi puoi continuare a dire che io non propongo un mio metodo, è vero e non mi offendo! 😀

  • Ibis

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Dai vostri commenti sui risultati penso che non abbiate visto i video gratuiti dentro a Googleformula, dove ci sono case history ben documentate.

    Spesso di parla troppo, conoscendo poco.

    • Foto del profilo di admin

      admin

      Reply Reply agosto 12, 2011

      Ibis che ti devo dire… 😀 Hai lo stesso IP di chi ha poco tempo per rispondere 😀 Dai non entriamo nel ridicolo!

  • Ibis

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Be, forse non sai che fasteweb e diversi altri usano lo stesso indirizzo ip per migliaia di computer.
    Passo e chiudo 😉

  • Marko

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Caro Seogm ottima tecnica per agitare il problema e quindi ottenere molti commenti.
    Io ti dico di pensare al tuo lavoro e di non scrivere articoli simili sul lavoro degli altri che non conosci perchè dici apertamente che non hai seguito il corso.
    In rete in molti parlano male di altri anche tra concorrenti. Il noi contro loro è una tecnica di marketing ma deve essre usata bene con prove e cognizione di causa allora ha un senso.
    Il tuo articolo è maleducato
    Ovviamente basta che se ne parli

  • Benedetto Motisi

    Reply Reply agosto 12, 2011

    Mi permetto di intervenire a gamba tesa 😀

    Ma l'”ovviamente basta che se ne parli” non andrebbe a vantaggio di Google Formula? Mica di questo blog.. che ripeto se metti “Google Formula” spunta prima del suddetto sito del prodotto.

    Non è per cattiveria, ma semplice fatto: IMHO potrebbe bastare e avanzare, mi pare una cartina tornasole abbastanza importante.

  • GoldHat

    Reply Reply agosto 13, 2011

    Ciao Marko! Apprezzo tutti i punti di vista e mi spiace se questo post viene visto come maleducato. Sono disponibile a testare il prodotto se l’autore mi dona una copia testing omaggio. Vi dirò di più, se mi sbaglio sarò felice di farne una recensione obiettiva.

    Riguardo il discorso dell’ottenere commenti… non è così, questo non è un blog editoriale, è un blog personale, dove scrivo riflessioni, considerazioni e ogni tanto consigli… ma nessuno è costretto ne a navigarlo ne a commentarlo! 😀

  • Michela

    Reply Reply agosto 13, 2011

    Maddài !!! Allora stiamo parlando di aria fritta!
    Tu non solo non hai mai provato il prodotto, ma lo vorresti pure gratuito!

    È per questo che io ti sembro di parte… La parte di quelli che sanno di cosa parlano.

    Passo e chiudo.

  • GoldHat

    Reply Reply agosto 13, 2011

    Si Michela, stiamo proprio parlando di aria fritta 😀

    Chi fa SEO sa riconoscere un altro SEO dal suo operato… basta poco, non serve spendere soldi. Poi continuo a ripetere che dal mio punto di vista sono i presupposti ad essere completamente sbagliati.

    Il semplice fatto di usare come dominio il nome di un’azienda… per non parlare di termini come “monopolio” e “formula di Google” premesse alla Vanna Marchi…

    La mia proposta di testarlo voleva essere un andare incontro… non rimediare qualcosa gratis 😀

    Ma evidentemente le ferie e l’aria di montagna mi stanno rincretinendo e mi capisco da solo 😀

    Buone ferie a tutti!

  • Vanna Marchi

    Reply Reply agosto 13, 2011

    Io avrei più classe.

  • Daniele D'Ausilio

    Reply Reply agosto 13, 2011

    Ciao a tutti.

    Prima di tutto volevo ringraziare Adriano per i complimenti.

    Non volevo entrare nel merito della questione però posso dire una cosa: mi passano davvero tanti InfoProdotti tra le mani e questo di B. sul posizionamento Google, come rapporto qualità prezzo, io lo trovo davvero positivo.

    Ci sono tantissimi seminari e corsi online sul SEO (in Italia come all’estero) che per MOLTO di più, ti insegnano MOLTO meno, sopratutto dal punto di vista pratico. Questo qui invece è MOLTO pratico (insomma, va dritto al punto) e dà un sistema che (almeno ad oggi) credo possa risultare efficace. Io per inciso, l’ho suggerito alla mia lista perché si sposa bene con i business online dei miei clienti, ma questo è un altro discorso.

    Ad ogni modo, io credo che TUTTI hanno il diritto di recensire, consigliare o sconsigliare un prodotto, ma dovrebbero farlo basandosi sui CONTENUTI (che sono la cosa più importante), non sul metodo di vendita. Quello è soggettivo. Posso anche avere un prodotto organizzato bene ma obsoleto e forse un’altro promosso con le “solite” strategie americane (sono scelte personali) ma comunque essere un buon prodotto.

    Quello che voglio dire quindi è: PROVIAMO i prodotti prima di recensirli, ragazzi, altrimenti non facciamo altro che sputare tutti sul piatto (il nostro mercato) dove mangiamo e non è un bene. DOPO averli provati come dicevo, avremo poi tutto il diritto di dire la nostra opinione.

    Tutto questo comunque è la MIA personale opinione, non voglio insegnare ad Adriano come gestire il suo sito, io però farei così. Detto questo, saluto Adriano e saluto tutti 😉

  • MC

    Reply Reply settembre 21, 2011

    Ho visto i video GRATUITI di Gianluca e confermo, sono ben fatti e chiari. Sarei curioso di proseguire e guardare anche gli altri per capire quale sarebbe la formula magica. Il punto però è un altro, dato per scontato che:
    1) l’algoritmo è segreto (e Panda è arrivato da poco)
    2) se cerco “Google formula” la prima pagina è tutt’altro che monopolizzata.
    3) mi è arrivata stamattina una mail che dice:
    “Hai appena fatto una vendita su xxxxxxxxxxxx.info
    Il prodotto acquistato da una persona riferita da te: Video corso
    La tua commissione è di 64 Euro.

    Complimenti,
    continua a promuovere il sito per ricevere commissioni ogni giorno!
    Contattami per qualsiasi supporto possa esserti utile.”

    Peccato che io non ho mai parlato a nessuno dei miei contatti di questa formula. Tre piccoli indizi che fanno perdere un po’ di serietà. O sbaglio?

    La richiesta di una formula gratuita, non mi pare così strana. I prodotti vengono forniti ai recensori in maniera gratuita. Se il tutto non è un pacco ne ha solo da guadagnare. Se non questo sito potrebbe sceglierne un altro di sua scelta nazionalmente rispettato.

  • GoldHat

    Reply Reply settembre 21, 2011

    Ciao MC, grazie per il tuo contributo!

  • Simone Ritta

    Reply Reply settembre 21, 2011

    Mc, è arrivata anche a me quella mail, però l’ho letta tutta.
    sotto c’è scritto “questo è un ESEMPIO” delle mail che potresti ricevere da domani…..

  • paolo orlando

    Reply Reply dicembre 10, 2011

    un momento un momento, ho scritto anche all’autore è primo per una parola chiave con pochissimi risultati ci vuole niente basta registrare un dominio .com o . it con la parola chiave dentro in italia è sufficiente.Quando gli ho chiesto perchè non ci fa vedere come si fa con una parola chiave con qualche milione di ricerche non ha saputo che dirmi altro che è perchè lo dovrei fare?Perchè quello che rende è essere primi per parole chiave con molte ricerche o per tante parole chiave con lo stesso sito.Essere primi per una parola chiave con 119000 risultati è una barzelletta e un presa per il culo a chi non sa che cosa è il SEO
    Grazie
    Paolo Orlando

  • Foto del profilo di admin

    admin

    Reply Reply dicembre 14, 2011

    Grazie del tuo contributo Paolo! 😀

  • casino online aams

    Reply Reply dicembre 19, 2011

    Ragazzi, il punto è che si si può stare a discutere su questo corso e le sue qualità o meno all’infinito. Quello che come SEO da anni posso garantirvi è che un corso online, di qualsiasi qualità esso sia, non vi garantirà mai di arrivare in prima pagina su google con facilità. Bhe, ovvio se avete un azienda e puntate ad avere il sito posizionato primo con il nome dell’azienda quella è una cavolata. Basta metterla nel title. Ma con questo cosa risolvete? nulla. in teoria chi fa seo è perchè deve posizionarsi con determinate chiavi che possano dare visibilità ad una determinata sezione della propria azienda per attirare nuovi clienti. E qui subentra il problema. su quelle chiavi ci sono altre persone che lavorano per crescere nei risultati. E più è alta la concorrenza e ovviamente è più difficile salire di visibilità. Un corso seo qualsiasi che promette le prime posizioni non ha senso ed è una truffa. per di + se l’unico risultato che mostra è di essere primo con titolo del suo sito web (questo lo saprebbe fare anche un bambino di 10 anni, basta aprire il dominio con nome della propria azienda). Ma questi guru del seo non appaiono primi neanche digitando il nome google formula. E anche e solo da questo potete fare le vostre valutazioni. IL SEO E’ UNA MATERIA DI STUDIO CHE CAMBIA E SI EVOLVE OGNI GIORNO. nessuno conosce l’algoritmo reale di google e quindi nessuno può promettervi nulla. Il seo è uno dei lavori più complessi che ci siano, e ve lo dice uno che lavora nel gambling, dove la concorrenza è spietata. Chissà se con il corso seò sarò mai primo nelle serp di google con la parola casino online! bhe, dopo 7 mesi sono alla posizione 20. Ma non potete capire la fatica e gli investimenti per portarla in quella posizione. Questo vi fa capire che forse è meglio rivolgersi a un vero specialista seo. E l’attività seo seria costa, perchè a chi la fa costa fatica e studio e continuo aggiornamento.

  • Animapixel

    Reply Reply gennaio 2, 2012

    Concordo al 100% con l’articolo di SEOGM anche se è stato un pò crudo.
    Ciò che mi stupisce è che ci siano ancora persone disposte a credere che per pochi spiccioli un guru qualsiasi ti riveli la formula segreta di Google.
    Cari signori, la SEO è una cosa seria e non si fa spammando link a destra e a manca, anche su Facebook; chi è stato tanto bravo da trovare la formula segreta non dovrebbe neppure lontanamente utilizzare certe tecniche, i clienti gli dovrebbero piovere direttamente in bocca, avendo monopolizzato le serp di Google.
    Comunque ognuno è libero di testare e sceglire ciò che crede. Anche famosi servizi di hosting promettono, con 30 Euro all’anno, di piazzarti tutte le parole chiave che vuoi su Google.
    Provate e testate. Se sono capaci di posizionare anche una sola parola chiave un pò competitiva avrete guadagnato e risparmiato un sacco di soldi e di fatica.
    In caso contrario verificate se offrono anche la clausola del “soddisfatti o rimbordati”; anzi, verificatelo in anticipo… 😉

  • Marco

    Reply Reply gennaio 5, 2012

    Grazie SEOGM. Scaricata la tua guida… ora la leggerò e proverò ad applicare i tuoi consigli. Vediamo se migliora il posizionamento delle parole chiave…
    http://www.calcolostrutture.net

  • Riccardo Cruciani

    Reply Reply maggio 28, 2012

    Bhè ragazzi, io vorrei dare un colpo sul cerchio e uno sulla botte (come si suol dire).

    Da un lato capisco e comprendo Adriano (che saluto :-)) il quale vede “inquinare” la rete giorno dopo giorno da persone che ti promettono la luna, e poi in fin dei conti ti stanno vendendo solamente l’ennesima affiliazione o catena di San Antonio.

    E basta! :-)))

    Dall’altro lato è anche vero che se una persona che non ne capisce “niente” di SEO, riesce a vendere un info-prodotto che parla di SEO…..bhè…..probabilmente non è proprio stupida stupida….

    Riuscire a vendere un info-prodotto che parla di SEO senza capirne niente di SEO, non deve essere affatto una cosa semplice.

    Se si abbassa il livello di cognizione di un argomento (in questo caso della SEO) bisogna “necessariamente” innalzare il livello della qualità di vendita (video landing page).

    Mettiamola così: “è più facile vendere un info-prodotto che parla di SEO, sapendo di che cosa si sta parlando, o è più facile vendere un info-prodotto sulla SEO senza saperne nulla (o quasi)?

    Credo che la risposta sia implicita.

    A volte (e questo accade in tutti i mercati) ci sono persone che ottengono più risultati di noi pur non avendo le nostre stesse conoscenze.
    E questo è un dato che ci deve far riflettere molto attentamente.

    ERGO:
    “avere la capacità di vendere un prodotto spesso non vuol dire averne necessariamente la totale cognizione, anche se nella promozione del prodotto stesso ci poniamo come guru”

    PER ADRIANO:
    Tranquillo Adri, alla lunga le persone capiscono il reale valore di un prodotto, per fortuna 🙂

  • Gualtiero Santucci

    Reply Reply maggio 29, 2012

    Non ti amareggiare Adriano, purtroppo quello che tu hai detto è tutto vero, ci sono personaggi che per sbarcare in qualche modo il lunario si improvvisano, magari guardando due filmati su youtube ( magari fatti da un incompetente come loro ehehe… )poi non avendo un minimo di background alle spalle e non sapendo davvero da che parte farsi per mantenere quello che (a parole) hanno promesso, fregano due spiccioli a chi di loro si è fidato, ottenendo il risultato di rovinare il mercato a chi invece lavora seriamente avendo delle solide fondamenta.

    C’è da dire che esiste anche il fatto positivo che tutti quelli che poi capiscono di essersi affidati al quàqquaraqquà di turno, quando trovano un serio professionista se lo tengono più stretto.

    Tranquillo, alla fine la serietà e la competenza vengono fuori e pagano.

  • Foto del profilo di admin

    admin

    Reply Reply maggio 29, 2012

    @ Gualtiero, grazie, tu sei uno di quelli che sanno moltissimo, tu si che dovresti fare un infoprodotto 😀 Comuqnue d’accordissimo con te, alla lunga la differenza si vede e confermo che chi si è fatto prendere in giro una volta, quando trova il consulente giusto si innamora! Fiero di essere stato tuo allievo 😀

    @Ric certo, hai ragione! Ma lo sai che tanto non ci abbattiamo mai, anzi, sempre più forti! ;o)

    P.s. Questo post l’ho scritto ormai quasi un anno fa, ma è ancora molto attuale 😀

  • Paola V seo

    Reply Reply giugno 1, 2012

    Interessante questo post.
    Specie per chi, come me, ama scrivere articoli ma odia nuotare (per non dire annegare) nel complicatissimo mondo del seo.
    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate del corso venduto da Cecilia Sardeo, e se tra i libri seo usciti in libreria nel 2012 ce n’è qualcuno che valga davvero la pena di leggere.

    Grazie 🙂

  • Foto del profilo di admin

    admin

    Reply Reply giugno 16, 2012

    Ciao Paola, riguardo il corso di Cecilia Sardeo non ti saprei dire, non l’ho acquistato perchè credo sia molto entry level.

    Riguardo i libri ho letto il Libro di Marco Maltraversi e per questo l’ho invitato a partecipare al prossimo Webinar Gratuito http://webinar.seotraining.it/2012/webinar-link-building/

    Per una formazione vera, reale, riconosciuta, faccio un po’ di autopromozione, ma con grande trasparenza e orgoglio perchè è sicuramente il miglior progetto formativo SEO in Italia in questo momento: http://master.seotraining.it/

    Ciao, alla prossima!

  • MarcoBruzzo

    Reply Reply giugno 18, 2012

    Ho visto i 3 video, dove dimostrava di posizionare una key da 6600 esatte locali in prima posizione. La key è anche il nome a dominio, quindi si parte avvantaggiati, rispetto ad una pagina interna di un sito. Studiando i backlink di quel sito, noto che ha usato siti di article marketing di bassa qualità, infatti dopo penguin, quasi tutti hanno Pr 0 o 1. Alcuni di questi siti di article marketing, sono iscritti a degli aggregatori di bassissima qualità. Gli articoli utilizzati per costruire la link building sono quasi sempre gli stessi, modificati male e quindi riconoscibili come duplicati da google, poi lasciamo perdere gli aggregatori, i quali fanno una copia dei contenuti già copiati. All’interno di questi articoli, sono presenti in alcuni casi, 3 backlink su altrettante parole chiave uguali. Detto questo dopo i vari aggiornamenti Panda e Penguin, il sito è ancora 1° per quella key. Ora mi chiedo se sia bastato un backlink da wikipedia per qualche mese per far ottenere costante quella posizione, oppure se è proprio la key stessa a non avere competizione.

    • Foto del profilo di admin

      admin

      Reply Reply giugno 19, 2012

      @ MarcoBuzzo in alcuni casi, su key “fiacche” è sufficiente dominio a corrispondenza esatta, la link building passa quasi in secondo piano direi, anche con il Pinguino 😀 Cmq ottima analisi, grazie del tuo contributo.

  • Gianni Riccio

    Reply Reply giugno 18, 2012

    Premetto che non ho mai visto video inerenti GoogleFormula e quindi non rilascio giudizi su ciò che non ho provato e visto. Ma mi baso sul principio di non credere ora e mai a chi ti vende a pochi euro il segreto per sbancare !

    • Foto del profilo di admin

      admin

      Reply Reply giugno 19, 2012

      @ Gianni Riccio non esprimo nessun tipo di giudizio sulla scelta dei prezzi, in realtà se uno ha una missione può anche regalare ciò che fa.

      Io dico solo che piu che alle parole credere ai fatti, cercare i guru con google e vedere cosa dice, se trovi solo cose autoreferenziali (a volte neanche quelle) pensaci bene. Ciauz

  • MarcoBruzzo

    Reply Reply giugno 18, 2012

    Si questo è vero, però, anche se la keywords fosse a bassissima concorrenza, dopo penguin, il sito sarebbe dovuto sparire dalla prima/seconda pagina, dato che ha usato aggregatori e siti di article marketing ora penalizzati.

  • Marcobruzzo

    Reply Reply giugno 20, 2012

    Si, vero alla fine per una key del genere ti piazzi senza neanche fare la link building, per esempio io ho preso il dominio debitopubblico.net, mettendo solo qualche articolo, sono tra la 6° e la 12° posizione. Però quello che mi sorprende è che fisso sempre 1°, o gli altri siti non puntano su quella key e allora è li per quello, oppure ha fatto una link building che funziona.

    Per quanto riguarda wikipedia, secondo te @Seogm, conviene mettere un backlink, per poi farselo togliere dopo poche settimane ?

    Le liste ( directory / article marketing ) che fornisce gratis Markian, funzionano ancora dopo penguin ?

    Per quanto riguarda i social bookmarks, ho notato che all’inizio rispondono molto bene, però dopo qualche giorno ( 10 gg ) perdono tutto il posizionamento acquisito. Che cosa ne pensi al riguardo ?

    Siccome prima uso i siti ad alto Pr, vedi DIGG e altri, e poi quelli meno importanti ma sempre Pr 1-2 minimo, è possibile che acquisisco le posizioni con i primi e poi mettendo anche gli altri siti, subisco una penalizzazione e le perdo tutte ?

  • Marcobruzzo

    Reply Reply giugno 27, 2012

    Qualcuno di voi l’ha comprato ?

Leave A Response

* Denotes Required Field